Roma, sobborgo meridionale. Con luoghi in quanto appaiono almeno lontani dal nocciolo educato e in quanto non offrono nessuna facolta di emergere, vive una gruppo di famiglie, i cui figli sono adesso giunti nell’eta dell’adolescenza.

con queste, troviamo buio (Elio Germano) e Dalia (Barbara Chichiarelli) e i dodicenni figli perche frequentano la esempio della striscia. Posteriore un resoconto familiare superficialmente ordinario, vi e sopra oggettivita una circostanza inquietante. Pur essendo studenti diligenti, i ragazzi non conoscono la felicita e si sentono accerchiati da un’inevitabile ritiro. Il cammino dall’apatia a una reazione inaspettato puo essere veloce, soprattutto nell’eventualita che si e costretti per asfissiare un’indole del incluso diversa da cio che essi sono in effetti, sebbene le false aspettative di genitori perche breve hanno annoverato dei figli che hanno sviluppato.

Premiato con l’Orso d’argento in la miglior copione al rassegna di Berlino 2020, Favolacce si inserisce a meraviglia nel rinnovato cinematografo italico contemporaneo che numeroso scava in precipizio nella sobborgo italiana e nelle pieghe di una comunita inondazione di contraddizioni e debolezze, qui spettacolo dalla sfondo di un compagnia di adolescenti del tutto differenti da come si possa immaginarli.